Archivio tag | paul cezanne

Francia, Aix en Provence. Dove dormire? Consigli universali.

Il luogo dove dormire non sempre è fondamentale nella buona riuscita del nostro soggiorno. Spesso capita di leggere commenti di persone scandalizzate dalla qualità della struttura cui si sono fatti ospitare per in realtà constatare che le aspettative riposte erano spropositate e che l’imprevisto sarebbe stato evitabile semplicemente valutando al meglio l’esborso iniziale. L’affare low cost può capitare, certo, ma nessuno regala niente, specie in periodi di alta stagione e da un hotel in zona industriale per quanto curato e raffinato possa essere non si possono certo pretendere prestazioni maldiviane.

Bienvenue...

Bienvenue…

A nostro avviso Aix en Provence, o la Provenza in generale se preferite, è uno di quei posti cui va dedicata particolare attenzione alla scelta della struttura ospitante dato che può rendere ancora più suggestivo il già romantico ambiance provençale. (Facciamo i fighi ma il nostro francese si limita a bonjour ed Arbre Magique) La scelta è così caduta su un B&B, Clos du Malvallat, non troppo distante dal centro cittadino. La bella villa che ospita le varie stanze dedicate ai visitatori si trova in campagna e durante il periodo primaverile viene circondata dalla tipica colorazione viola della lavanda in fiore che probabilmente ha ispirato non solo il pittore Paul Cezanne nei suoi favolosi dipinti, ma ha anche tinteggiato con sfumature pastello la vita dei francesi provenzali.

Clos du Malvallat: stanza

Clos du Malvallat: stanza

Persone che hanno rivelato un animo sereno e cordiale che in Italia, senza forse, sbiadisce giorno dopo giorno, nascondendo sempre più i sorrisi della gente ormai occupata a sopravvivere alla burocrazia ed impegnata dietro talent show infruttuosi e talk show che urlano i loro vuoti contenuti.

Clos du Malvallathttp://www.closdumalvallat.com/

Proprio le cose che Controviaggio adora lasciarsi alle spalle indipendentemente dai luoghi che abbiamo la fortuna e la caparbietà di visitare (o vivere) e che anche in questo caso abbiamo evitato per qualche giorno, approfittando della gentilezza, ospitalità e discrezione di Madame Marianne e Monsieur Patrick, proprietari di Clos du Malvallat, che ci hanno anche gentilmente concesso un upgrade solo perché abbiamo menzionato il blog.

Angolino della villa

Angolino della villa

Patrick è in realtà un sarto professionista ed i suoi splendidi abiti da sposa e da sera sono visibili attraverso una vetrata dell’atelier all’interno della villa dove, nell’epoca delle stampanti 3D, assieme ai vestiti fa bella mostra di sé anche una vecchia Singer che probabilmente utilizza per confezionarli.

La classica Singer da cucire

La classica Singer da cucire

Le stanze sono accoglienti ed impeccabili con il loro mobilio che altro non poteva essere che in stile provenzale ben abbinato alle più moderne soluzioni tecnologiche come l’immancabile tv HD a schermo piatto, degli speakers per l’Iphone o l’ormai indispensabile free wifi. Davvero notevole il gioco di luce creato dalle vetrate che si affacciano al giardino, dagli oculi e da un lucernario sopra il letto.

La luminosa camera da letto

La luminosa camera da letto

Non proseguiremo a fare la descrizione tecnica di Clos du Malvallat perché lo spirito del blog è quello di diffondere sensazioni e colori, emozioni e stati d’animo che, in questo caso, sono stati tutti al posto giusto ed al momento giusto. Ci limitiamo quindi a suggerire per un week end romantico la visita della suggestiva, allegra e vitale Aix en Provence magari ospiti di Clos du Malvallat, delizioso chalet nella campagna provenzale. Certi che sarete voi ad accodare altri sentimenti ed emozioni a questo breve, ma speriamo utile e piacevole, articolo. (Renato)

Comfort e romanticismo

Comfort e romanticismo

Francia, Aix en Provence: semplicemente un bijou

La città natale del pittore impressionista Paul Cezanne offre al visitatore degli scorci memorabili ed un’atmosfera davvero piacevole. Chi sceglie la macchina come mezzo per raggiungere Aix en Provence potrà anche fare a meno del navigatore, dato che l’autostrada da percorrere è fondamentalmente tutta dritta fino a destinazione. Percorso alternativo è naturalmente la splendida strada costiera che attraversa la Costa Azzurra con i meravigliosi paesaggi che offre; le ville e palazzi a Mentone, Principato di Monaco, Nizza, Cannes e via dicendo sono già un abbondante antipasto di quello che ci aspetta in Provenza. San Valentino non è il periodo della fioritura della lavanda e le campagne che attraversiamo non hanno ancora la colorazione che caratterizzano la regione francese, ma ciò non comprometterà minimamente il viaggio.  

Paul Cézanne (Aix-en-Provence, 19 gennaio 1839 – Aix-en-Provence, 22 ottobre 1906)

Paul Cézanne (Aix-en-Provence, 19 gennaio 1839 – Aix-en-Provence, 22 ottobre 1906)

Aix en Provence è una città che pur essendo relativamente vicina all’Italia sembra appartenere ad un altra epoca ed un altro continente e se a Parigi è possibile comunicare con i locali solamente se si è in grado di conversare con accento parisienne, nella città provenzale si viene accolti da persone serene e sorridenti che non solo parlano in inglese, ma molti anche italiano. Le splendide vie del centro che ospitano curatissimi negozi sono molto frequentate ed è davvero piacevole vedere tantissimi giovani, provenienti per lo più dal polo universitario, coinvolti nell’attività cittadina.

Via del centro

Via del centro

I centri commerciali che stanno desertificando i territori di varie nazioni, hanno vita molto dura ad Aix en Provence per vari motivi: trovare un posto per la macchina in centro città è una bazzecola visti i numerosi parcheggi a 5 piani sotterranei situati a pochi metri dal principale punto di riferimento che è la piazza Charles De Gaulle riconoscibile anche per la sua bellissima fontana.

La Rotonde, P.zza Charles De Gaulle

La Rotonde, P.zza Charles De Gaulle

Una volta raggiunta la piazza è altrettanto semplice camminare lungo il Corso Mirabeau o addentrarsi tra le Rou del centro dove si possono ammirare palazzi d’epoca e numerosi locali per l’aperitivo. I colorati negozi offrono prodotti raffinati e ricercati, quelli di dolciumi in alcuni casi si presentano allo stesso modo delle gioiellerie dove al posto dei gioielli fanno mostra di se i macarons.

Macaron, dolcetto tipico

Macaron, dolcetto tipico

Tutti i particolari sono davvero molto curati ed il livello di professionalità che traspare è notevole. Sicuramente un’ottima cura per quella che nel resto d’Europa viene vissuta come crisi.

Chanel? No, dolciumi

Chanel? No, dolciumi

Frequenti iniziative artistiche e musicali rendono la città ancora più pulsante, vitale ed attrattiva, per non parlare del mercato dove acquistare formaggi, salumi o variopinti saponi alla lavanda, il mercato dei fiori o quello dell’usato. (continua)

Saponi alla lavanda

Saponi alla lavanda