Archivio tag | park

#saverodinipark The crowdfunding

please also visit this page

click here and go to our indiegogo page

In modern civilization, parks are recreational areas, as natural shelters of people living in an urban environment. But this was not always their only use, as the park’s function has changed, depending on the cultures.

Rhodes, as one of the first cities to be inaugurated and planned with an organized urban planning system, has been displaying a park of more than two thousand years of continuous use and life. The fate of Rodini Park is connected with the extremely rich multicultural activity of the city of Rhodes, receives influences and features of all the cultures that shaped the image of the capital of the island.

click here and go to our indiegogo page

Starting from the founding of the city in 408BC … The green area of the Rodini stream is included in the city plan and constitutes the natural boundary of Rhodes, combined with man-made boundaries: the walls and the necropolis. For the ancient Greek pagans, “animists” Natural wealth has a divine status and therefore does not accept human interference or exploitation. The holy groves reflect this belief. In all sanctuaries nature plays a primary role, while architectural interventions serve practical purposes and are optional elements. The religious significance of Rodini, as a space of spirituality, is confirmed by the formation of the nympheas from the Hellenistic period at least, dedicated to the protectors of Nature and its elements: Naiades, Yades, Amadryades, Oreades, Nereids and other. In the upper part of the park, the dialogue with the other world is oriented towards the ancestors, with a multitude of monumental tombs, among them so-called Ptolemaion (conventional name). With the nympheas and the funerary monuments, the artistic production in the park, wich will be a model, begins with the name “Rhodian Park” for the parks where natural beauty is complemented by human expression through art.

Because the contact with the nature favors spirituality, the great masters of the era begin to avoid the bustling arcades and markets of the centers, preferring to browse, undisturbed near the divine creation, the natural environment: it is the birth of the peripatetic schools. A peripatetic school establishes in Rhodes a student of Aristotle: Eudimos. It is also said that among the first to teach in Rodini is the orator Eshchinis (end of 4th BC) who came to Rhodes is a cosmopolitan capital that attracts representatives of philosophy, arts and sciences from the four corners of the Greek-Roman world. The great painter Protogenis (the only competitor worthy of Apelles), the astronomer Hipparchus (calculated solar year and distance Earth-Moon), the writer of the “ArgonautsApollonius the Rhodian (born in Egypt) are few of the many of prominent ones that will make of Rhodes a center of culture and education. Among other students, Cicero, Julius Caesar, Cassius and Markus Antonius will come and take pride in passing the Rhodes faculties that provide the skills and prestige necessary for their political career. Favorable living conditions, the political neutrality of the island, which left great freedom of expression and high fees, attracted all those who formed the reputation of the island as a center of art and spirit at that time. During the Roman era, the combination of religious and spiritual use will be completed, which will continue until the Christian years, when it will become a monastic property. In the year of the Knight’s rule, Rodini gains new glory as the existence of the Grand Master’s villa is mentioned, while the exotism of the park with wild animals and birds impresses all visitors. During the medieval years, the first park of Europe on the nobles’ land are created for their hunts. The admirable animals and birds living in the park are sign of prestige for power, something that has continued to our day. The Ottomans, apparently influenced by Arabic sensitivity and aesthetics for the gardens that offer shelter of coolness and tranquility, respect and preserve the park. Some small interventions in the walls and the maintenance of the aqueduct confirm it. The archways of the base with Gothic arches replace a pre-existing Roman aqueduct and support Ottoman additions repaired by the Italians. The Italians, in the context of the program for the exploitation of the natural wealth of the whole island, will intervene decisively, shaping to a large extent the present image of the park.

This continuous use of Rodini reflects the collective mentality of every culture that will shape it. Here is the special value of this park that keeps alive the memory of a time when the natural environment is not just a place o recreation but also a spiritual culture and meditation. Dialogue between people, gods and ancestors trough ART that becomes a mean of communication between dimensions in space (material-spiritual) and time. The monuments (memories) of people (toms, nymphs) as landmarks, testify the places and the walks in combination with the vital elements of nature (earth relief, water, vegetation) without which there would be nothing.

Collective responsibility of our own time to decide what will ultimately be our contribution to this millionaire park

Adrien Bordrez (Tourist guide)

Faithful copy of the flyer currently distributed at the park

click here and go to our indiegogo page

Gorizia: città ai margini, ma… (III parte, conclusione)

Come citato nel titolo, nonostante le numerose attrazioni storico e culturali, Gorizia rimane troppo spesso ai margini delle esigenze dei passanti che sono invece attratti dal Paese dei Balocchi che si trova a pochi passi e risponde al nome di Nova Gorica.

Chi arriva in auto, una volta imboccata l’uscita autostradale a Villesse e lasciato dietro a se il capannone che ospita Ikea ed il centro commerciale Tiare dal destino segnato e futura cattedrale vuota da reinventare, percorre il raccordo autostradale fino ad arrivare alla rotonda che non può passare inosservata grazie ad enormi archi che però non sempre calamitano i turisti che preferiscono tirare dritto ed approdare in Slovenia.

L’attraversamento del confine, non più contraddistinto dalle cabine riservate alla Polizia di Frontiera ed al esibizione di documenti, è comunque evidente e riconoscibile a prima vista, come già menzionato.

petrolI distributori di benzina sono solo una delle parti più ghiotte presenti oltre confine e chiaramente vengono presi d’assalto sia dai turisti che dagli stessi goriziani che, pur avendo una tessera regionale che consente prezzi scontati sul carburante da quando hanno perso le agevolazioni di zona franca, non disdegnano di fare il pieno in Slovenia.

Anche chi è propenso alla cattiva abitudine di fumare potrà acquistare stecche di sigarette a prezzi convenienti nei vari Free Shop.

Queste caratteristiche di contorno ci spianano la strada verso i veri protagonisti del rinascimento sloveno di confine che sono i Casinò ed i vari locali di lap dance e via dicendo. Anni or sono frotte di concittadini, corregionali e veneti per lo più, riempivano le sale del Casino Park prima e dell’ultimo nato Perla poi, dove tra palline metalliche saltellanti sulla roulette e l’incessante tintinnio di irrequieti gettoni nelle slot machine si alternavano spettacoli con artisti italiani ed internazionali di una certa fama, mentre le tasche di alcuni avventori si riempivano momentaneamente e quelle di tanti si svuotavano completamente. Fatto sta che mentre le strutture ricettive goriziane cercavano di resistere sul mercato nonostante tassazioni elevate e scenari museali da prima guerra mondiale, Nova Gorica surclassava la vicina con tappi di champagne volanti e sculettanti ragazze in paillettes.

La luce del giorno è inesorabile rispetto alle entreneuse che riviste struccate e senza gli effetti della sbornia si rivelano semplici ragazze in cerca di scorciatoie per raggiungere la fortuna, così come in assenza della complicità notturna anche Nova Gorica è costretta a svelare la sua identità strutturale fortemente legata al passato ed appartenente al regime socialista di Tito che tutto era fuorché un viveur. Tranne il palazzo della Transalpina, che infatti non è stato costruito dalla Jugoslavia, sono ben pochi gli edifici degni di nota, tranne forse pochi palazzi che furono costruiti dagli italiani. Per evitare fraintendimenti la mia è solo un’analisi oggettiva di ciò che vedo sul confine, non un’accusa rivolta alle risorse culturali slovene dove a Lubiana, ad esempio, offrono tutta la loro bellezza.

horrorA proposito di bellezza, la pagina contenente la parola doveva essere strappata nel vocabolario degli architetti che con il loro pennino ad inchiostro hanno dato vita a due delle opere se non altro discutibili; se infatti l’Ospedale di San Pietro sfoggia pareti blu e rosa shocking, pensavo per evitare che gli elisoccorso atterrino sui Casinò ma il palazzo bicolore fu costruito in precedenza, la casa sfasata (foto) che si trova nei pressi del valico di Salcano è davvero il capolavoro.

Naturalmente come nel caso delle persone che possono essere simpatiche ad alcuni e meno ad altri, anche pregi o difetti del territorio possono suscitare reazioni differenti.

copGOLe cose da scrivere sulle due città e sul territorio circostante non terminerebbero di certo qua, ma il sassolino nello stagno che ho voluto lanciare, anche per rendere in qualche modo un piccolo omaggio alla mia terra d’origine, ha avuto un inaspettato riscontro con centinaia di visite giornaliere al blog controviaggio.wordpress.com e sulla pagina Facebook causando mi auguro l’effetto farfalla. Qualche goriziano troverà sicuramente da brontolare sulle mie descrizioni a torto o ragione ma sicuramente saprà contribuire a divulgare la verità storica che sarebbe bene valorizzare in una sana curiosità turistica. I forestieri che invece saranno incuriositi e spinti da queste righe per dedicare un piccolo o grande viaggio nelle città ai margini Gorizia e Nova Gorica, potranno scoprire autonomamente i dettagli mancanti o eventuali verità involontariamente omesse in questi post; ed una volta giunti sul luogo potranno anche e sicuramente contare sugli animati racconti dei diffidenti e, a modo loro, ospitali goriziani.